Sos Mindfulness – Covid19

“Bisogna imparare ad amare se stessi di un amore sano e salutare, tanto da sopportare di rimanere presso se stessi e non andare vagando in giro” (F. Nietzsche)

La porta della saggezza e della compassione è sempre aperta

Stiamo tutti vivendo un momento molto complesso e difficile, in cui ci è richiesto un grande sforzo per gestire al meglio il senso di paura, impotenza e perdita di controllo.

Nutrimenti di Mindfulness vuole offrire a tutte le persone che ci conoscono e che ci seguono un repertorio di pratiche meditative, di riflessioni e di suggerimenti utili a fronteggiare le difficoltà del momento.

Ciascuno di noi ha la facoltà di scegliere in che modo vivere la paura e il senso di incertezza: la mindfulness ci indica una via, che è la via del sentire, dell’entrare pienamente in contatto in contatto con il fluire della vita, consapevoli delle nostre vulnerabilità e delle nostre infinite risorse.

Vi esortiamo a praticare quanto più possibile in questo periodo di grande incertezza e confusione. In ognuno di noi esiste un centro di saggezza e resilienza molto più grande e profondo di quanto pensiamo.

Le meditazioni di Mindfulness servono proprio a connetterci con questo centro, ampliando la comprensione di noi stessi e dell’esistenza.

Quando siamo disposti ad aprire la consapevolezza a nuove idee e a nuovi modi di considerare le situazioni in cui ci troviamo, la  nostra vita cambia in meglio!

Questo istante, proprio qui e proprio adesso, è per me un nuovo punto di partenza

ANDRÀ TUTTO BENE

UNITI CE LA FAREMO

Anni fa, uno studente chiese all’antropologa Margaret Mead quale riteneva che fosse il primo segno di civiltà in una cultura. Lo studente si aspettava che la Mead parlasse di ami, pentole di terracotta o macine di pietra. Ma non fu così. Mead disse che il primo segno di civiltà in una cultura antica era un femore rotto e poi guarito. Spiegò che nel regno animale, se ti rompi una gamba, muori. Non puoi scappare dal pericolo, andare al fiume a bere o cercare cibo. Sei carne per bestie predatrici che si aggirano intorno a te. Nessun animale sopravvive a una gamba rotta abbastanza perché l’osso guarisca. Un femore rotto che è guarito è la prova che qualcuno si è preso il tempo di stare con colui che è caduto, ne ha bendato la ferita, lo ha portato in un luogo sicuro e lo ha aiutato a riprendersi. Mead disse che aiutare qualcun altro nelle difficoltà è il punto preciso in cui la civiltà inizia. Noi siamo al nostro meglio quando serviamo gli altri. Essere civili è questo.

 

Primo audio

Clicca per ascoltare l’audio 

Accogliere con gentilezza il momento presente, anche se non ci piace

 

Secondo audio

Clicca per ascoltare l’audio

A tu per tu con la paura

 

Video

Una riflessione sulla paura della Dott.ssa Stefania Borghi, tratto da un brano de “Il Silenzio è cosa viva” di Chandra Livia Candiani

 

Terzo audio

Clicca per ascoltare l’audio

Aprirsi alla compassione

 

 

 

Quarto audio

Clicca per ascoltare l’audio

Connettersi con la natura per risvegliare un senso di pace dentro di noi

 

 

 

Quinto audio

Clicca per ascoltare l’audio

Meditazione sul potere vitalizzante del colore

 

 

 

Secondo video

 

 

 

Sesto audio

Clicca per ascoltare l’audio

Meditazione sull’apertura del cuore

 

 

 

Terzo video

 

 

 

Settimo audio

Clicca per ascoltare l’audio

Meditazione della montagna

 

 

 

Ottavo audio

Clicca per ascoltare l’audio

Un viaggio magico

 

 

 

Nono audio

“Impara a rilassarti. Il tuo corpo è prezioso, poiché ospita la tua mente e il tuo spirito. La pace interiore inizia con un corpo rilassato”

NORMAN VINCENT PEALE

 

Clicca per ascoltare l’audio

Rilassamento muscolare progressivo